Arc de Triomphe (#qpat): Fenomenale #Trêve, ancora secondo #Orfevre e terzo #Intello. Straripante la femmina di Al Thani con Thierry Jarnet! Il fantino ha vinto anche il Prix de la Foret con una strepitosa Moonlight Cloud. Ecco il resto del pomeriggio.. - MONDOTURF

MONDOTURF

MONDOTURF: IL SITO DELL'IPPICA MONDIALE. UNO STRUMENTO UTILISSIMO PER ESSERE SEMPRE COSTANTEMENTE INFORMATI SUI RISULTATI DELLE CORSE, ASTE, NOTIZIE, SCOMMESSE, QUOTE, GIOCHI E NEWS RIGUARDANTI L'ALLEVAMENTO E LE CORSE DEI PUROSANGUE NONCHÈ PER AVERE AGGIORNAMENTI SUL MERCATO DELLE SCUDERIE PIÙ IMPORTANTI D'EUROPA E DEL MONDO. INTERMEDIAZIONE E SUPPORTO PER TUTTE LE ASTE DI CAVALLI IN EUROPA E NEL MONDO. METTILO TRA I TUOI PREFERITI!!!

Breaking

Home Top Ad

Post Top Ad

Responsive Ads Here

domenica 6 ottobre 2013

Arc de Triomphe (#qpat): Fenomenale #Trêve, ancora secondo #Orfevre e terzo #Intello. Straripante la femmina di Al Thani con Thierry Jarnet! Il fantino ha vinto anche il Prix de la Foret con una strepitosa Moonlight Cloud. Ecco il resto del pomeriggio..

Qatar Prix de l'Arc de Triomphe G1 (VIDEO QUI): Trêve da brividi lungo la schiena! La terza femmina consecutiva a vincere l'Arc de Triomphe dopo Danedream e Solemia è Treve (Motivator), imbattuta, ed imbattibile a questo punto (5 corse e 5 vittorie), figlia di Motivator (Montjeu) che leggiadra sul verde parigino ha dispensato classe e lunghezze, relegando al secondo posto uno come Orfevre (Stay Gold), ancora sconfitto (come Montjeu sconfisse El Condor Pasa), e al terzo l'altro tre anni Intello (Galileo). In sella alla tre anni di Jaw'wan Al Thani (comprata per circa €8 milioni) c'era Thierry Jarnet, già partner di Trêve prima dell'acquisto da parte dei Qatarioti e sostituto di uno sfortunato Lanfranco Dettori. Ma qui, da celebrare il motore di una cavalla dal fisico minuto ma esplosivo, allevata ed allenata da Criquette Head-Mareek, invenduta da puledra per €20,000. E' stato un Arc tattico, con Joshua Tree prima audace poi in versione tappo a creare un ingorgo a metà corsa nel gruppo, dal quale è uscita con scelta tattica impeccabile e tempismo incredibile Jarnet (che si ritirerà al termine della stagione) su Trève, la quale nonostante il pessimo numero di steccato, ha man mano allungato con il passare dei metri e si è isolata sempre più allo steccato piazzando tra se ed il mondo un blocco di granito. Per Orfevre nulla da fare, un pò sulle gambe nella lotta, ma ancora una volta secondo a 5 lunghezze dalla terribile femmina, con la quale i paragoni più irriverenti tendono a limitarsi.  La nuova Zarkava? Forse si, forse di più; questa va forte, ma per davvero. Degli altri, menzione per Kizuna quarto e maturo per il salto il prossimo anno ed Al Kazeem, alla fine sesto, ed autore di ottimo recupero finale a corollario di una stagione intensissima. Tempo finale di 2m 32.04s (slow by 1.54s) sul miglio e mezzo, ecco l'ordine d'arrivo: 1°- Trêve/ T.Jarnet - 2°- Orfevre / C.Soumillon - 3°- Intello / O.Peslier - 4°- Kizuna / Y.Take - 5°- Penglai Pavilion / M.Barzalona. Il risultato completo cliccando QUI. Altro video ARC cliccando su questo LINK. Ed ora un dato statistico: Ben 16 tre anni hanno vinto l'Arc negli ultimi 20 anni. I primi programmi per Treve sembrano così delineati: In training anche a 4 anni e tentativi molto probabilmente esotici. Staremo a vedere.
Qatar Prix de l'Abbaye de Longchamp G1 (VIDEO QUI): Il solito terno al lotto parigino, con vittoria stavolta andata a Mareek (Pivotal) che fino a due anni fa giaceva nei bassifondi del 100 di rating. Trasformato da anziano, il velocista di Barry Lalor (alla terza uscita per l'allenatore) e montato finemente (per la prima volta) da Declan McDonogh, con un repentino cambio di marcia ha agganciato e superato Catcall (One Cool Cat) ed Hamza (Amadeus Wolf) sui 1000 fastidiosissimi metri (per la visuale) di Longchamp. Il castrone da Pivotal (Polar Falcon) ha come obiettivo il Champion Sprint G2 di Ascot, vinto lo scorso anno. Tempo di 57.50s (slow by 0.70s).
Total Prix Marcel Boussac - Critérium des Pouliches G1 (VIDEO QUI): Altro che seconda linea! Ignorata dalla punta (ma non da chi aveva giocato l'altra Wertheimer come noi) Indonesienne (Muhtathir) con in sella Flavien Prat (alla prima affermazione in G1) per Cristophe Ferland, a 37/1 è piombata come un falco sulla pace maker Lesstalk In Paris (Cape Cross) per giustiziarla negli ultimi 50 yards. Terza Queen Catrine (Acclamation), quarta la giocata Royalmania (Elusive Quality) dalla progressione lenta. Tempo sul miglio di 1m 38.74s
Qatar Prix Jean-Luc Lagardère - Grand Critérium G1 (VIDEO QUI): I colori Niarchos sul gradino più alto del podio. Il talentuoso Karakontie (Bernstein, come Omaticaya) ha seguito Noozhoh Canarias (Caradak), spagnolo leader molto ardente con Cristophe Soumillon in sella, e dopo una lotta durata 100 metri lo ha gradualmente superato per 3/4. Merito della confidenza di Stéphane Pasquier sul cavallo allenato da Jonathan E. Pease. Davvero un bel cavallo. Sul passo Charm Spirit (Invincible Spirit) finito terzo. Tempo sui 1400 di 1m 22.97s
Prix de l'Opéra Longines G1 (VIDEO QUI): Siamo disorientati per come abbiamo perso di muso dopo due vincenti di fila, ma felici sportivamente per come l'ha risolta Soumillon su Dalkala (Giant's Causeway). L'agnello sacrificale la grigia (stupenda) Tasaday (Nayef) che ha attaccato il palo da (troppo) lontano partendo con i giri bassi e con Maxime Guyon che ha provato a tenere qualcosa sul traguardo invano. Alla fine il fantino Belga, con la sua monta tipica nasino all'insù, ha fatto i conti in modo giusto e saltato addosso alla femmina di Fabre (suo acerrimo nemico) finendo per batterla di pochissimo, proprio sulla linea del palo. Sinceramente: Tasaday, la tre anni, è più forte ma Dalkala (4 anni) ha vinto grazie a quel genio di Soumì, tatticamente ineccepibile. Ha fatto bene l'Aga Khan a riportarlo all'ovile, ma su una corsa selettiva per davvero il prossimo anno Tasaday sarà una primaserie. Cresce sempre! PS: Ma che capelli s'è fatto Soumillon? Terza è finita da lontano Thistle Bird (Selkirk), all'ultima in carriera prima dell'ingresso in razza. Tempo di 2m 9.03s (slow by 6.03s) sui 2000 metri, sono andati di passo.
Qatar Prix de la Forêt G1 (VIDEO QUI): Una parola sola: Strepitosa! Parliamo di Moonlight Cloud (Invincible Spirit) e della sua affermazione stratosferica nel premio della foresta. Giunta a 5 anni con lo spirito di una puledra. Ha risolto con uno scatto solo ed un parziale impressionante dalla coda del gruppo fino a passare il traguardo con tre lunghezze di margine senza mai essere impegnata, su Gordon Lord Byron (Byron), Garswood (Dutch Art) e Dux Scholar (Oasis Dream) con Umberto Rispoli. Tempo sui 1400 di 1m 21.08s, in sella lo scatenato Thierry Jarnet già vincitore di Arc, e l'allenatore Freddy Head. Insomma, in casa Head e Jarnet stasera non mangeranno polenta e latte. Per la figlia di Invincible Spirit (Green Desert) delineati i piani con la quasi esclusione della BC Mile (non le piace proprio Santa Anita) e possibile un salto ad HK, prima che George Strawbridge decida il futuro della campionessa, 6 volte vincitrice di G1. Risultato completo QUI.
Qatar Prix du Cadran G1 (VIDEO QUI): Cento punti a chi arriva alla fine del video completo senza essersi addormentato. I primi 3 minuti e venti di nulla, poi la lunga volata risolta da Altano (Galileo) vecchia conoscenza del St Leger all'italiana dove fu secondo, che a 8 anni ha trovato l'alloro prestigioso nella giornata dell'Arc. Come si dice a Roma, un "consolamose con l'ajetto" alla tedesca per Andy Wohler (vedi la storia di Novellist) con Edu Pedroza in sella che ha battuto Tac de Boistron (Take A Risk) per Marco Botti, con al terzo Times Up (Olden Times). I primi tre insieme fanno 20 anni, tempo finale di 4m 24.38s (slow by 6.38s). In pratica siamo usciti di casa per bere un Amaro del Capo alla partenza, e quando siamo tornati ancora non erano arrivati. Risultato completo QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad

Responsive Ads Here

Pages